Come Uscire Dai Debiti Con Banche e Finanziarie


Risolvere i problemi di debiti è possibile. In questo articolo trovi qualche consiglio molto utile

Come uscire dai debiti con banche e finanziarieOggi vogliamo pubblicare la testimonianza di Gabriele, un ragazzo che ci ha scritto una mail per raccontarci la sua esperienza in tema di debiti. Non solo è riuscito a chiudere tutte le sue esposizioni debitorie, nonostante le enormi difficoltà, ma lo ha fatto senza chiedere alcun aiuto!
Come potrai leggere, ha utilizzato alcune accortezze che alla lunga hanno portato a grandi benefici.
Buona lettura!

 

Buongiorno. Mi chiamo Gabriele ed ho 42 anni.

 

Sono capitato sul vostro sito per avere informazioni in merito alle ipoteche sui mutui e mi sono imbattuto in alcuni vostri post su come fare ad uscire da situazioni debitorie critiche.

 

Volevo lasciare la mia testimonianza, sperando che questa possa essere di aiuto a tanti, dal momento che oggi, finalmente, posso dire di essere una persona felice, essendo uscito da una bruttissima situazione debitoria.

 

Tutto iniziò da ragazzo, i primi lavori, i primi soldi, le prime possibilità non avute prima.

Quando sei giovane e con due soldi in tasca, se non hai avuto la fortuna di avere una famiglia che ti ha insegnato il sacrificio, il risparmio e la gestione monetaria, diventa facile lasciarsi andare.

Primi soldi = prima macchina, che naturalmente ha seguito la mia volitiva passione: dopo un anno l’ho cambiata e al precedente finanziamento ho aggiunto anche una cambiale da onorare per non incorrere in brutte situazioni.

 

Lì le prime difficoltà, ma continuavo a guardare al futuro tranquillo: tanto i soldi entravano!

Allora puoi avere una macchina senza stereo? Sia mai!

E ti compri anche quello! Naturalmente a rate, visto che non ti sai accontentare, e ne prendi uno ultra-costoso!

Finisci di pagare la macchina (ma non lo stereo) e te ne fai una ancora più grande, che costa di più e, naturalmente, la ripaghi a rate!
Al doppio di quelle che hai appena finito di pagare (e a cui aggiungi il residuo dello stereo)!

 

Poi scopri che puoi avere una cosa fantastica, ovvero il conto in banca, con un bancomat che quando metti dentro la tesserina ti butta fuori soldi a non finire! Questo lo pensi tu, perché nel frattempo vai in rosso e inizi a pagare gli interessi debitori. Allora la banca cosa ti dice? Fai il fido, così paghi di meno di interessi, anche se paghi qualcosina per la stipula di questo!  E lo fai, visto che non sai cosa altro fare.  Stai in rosso…

 

Allora la banca, “per venirti incontro” ti presenta una bellissima carta revolving, “così può prelevare ed usarla, pagando tutto in comode rate”.
Certo…ma rate salasso! Non contento te ne prendi anche un’altra da un istituto di credito, e la svuoti per pagare le rate della prima carta (che non vengono comunque estinte).

Allora dici: vabbè, faccio la cessione del quinto, così ripiano tutto, ma come prendi quei soldi scopri che è bello poter andare in vacanza, poter uscire e divertirti e così sommi alla situazione debitoria altri debiti, che stavolta ti assorbono parte dello stipendio. Ma come si fa?

Non riuscivo a vedere la luce! E la banca mi disse “Prenda una seconda cessione del quinto! Così ripiana parte dei debiti!”.
E io presi la seconda cessione, ma poi…

Poi mi resi conto che avevo due cessioni del quinto, due carte revolving, due finanziamenti, un piccolo prestito… un po’ troppo… avanzavano pochissimi soldi, giusto per mangiare e pagare qualche bolletta… come fare?
Nel frattempo mi sposai con una ragazza che invece sapeva bene cosa voleva dire risparmiare e sacrificarsi.
E allora imparai.
Basta uscite inutili, che vogliono dire tanti soldi spesi tra benzina e bei locali.
Basta spese inutili: avevo un’auto e me la feci andare bene.
Basta tutto.

 

 

Naturalmente mi vergognavo di raccontare la mia situazione a mia moglie, così  ne sono uscito da solo: dapprima ho smesso di prelevare soldi al bancomat. Ho ripianato il buco in banca e poi ho chiuso il conto, trovando un’altra banca che fosse a costo zero, senza possibilità di prelievi bancomat superiori alla disponibilità del conto.

Ho smesso di prelevare dalle carte revolving, saldandone prima una e poi l’altra. Ho saldato le cessioni del quinto, prima una e poi l’altra, e per finire gli ultimi finanziamenti.

Ultimo passo ho fatto il controllo al CRIF perché risultasse tutto in ordine (come effettivamente risultava) ed oggi, a distanza di 3 anni dal pagamento dell’ultima rata, mi trovo, felice, a godermi per intero il mio stipendio.
A breve acquisteremo casa e la più grande soddisfazione per me è quando parlo con le banche per il mutuo e mi viene chiesto “Ha esposizioni finanziarie?” e puntualmente rispondo “Assolutamente nulla!”.

 

Mi auguro che, se qualcuno leggerà questa mia mail, possa trovare spunto e coraggio per aiutarsi, per capire i propri errori e porvi rimedio.
A proposito, ultima considerazione: ho smesso di seguire le “mode” e ho lo stesso cellulare (economico) da ormai 3 anni.
Ho cambiato i contratti di casa cercando quelli più economici e che mi facciano risparmiare anche solo 2 euro al mese. Se ho bisogno di comprare un elettrodomestico (in caso di rottura) faccio indagini su internet, acquistando i modelli più economici o quelli usciti dai listini, che si acquistano alle volte con il 50-60% di sconto sul prezzo originale.
Insomma, ho fatto tesoro dei miei errori e oggi sono diventato un piccolo risparmiatore italiano, e mi tengo alla larga dalle finanziarie e dalle carte revolving!

Con la pubblicazione di questa testimonianza, spero di esserti stato di aiuto.

Se hai bisogno di una prima consulenza gratuita o di un parere per un problema di debiti puoi contattarci compilando il modulo alla destra dello schermo, oppure in alto alla sezione “Contatti” trovi tutti i nostri riferimenti.

P.S: Condividi questo articolo anche con i tuoi amici e conoscenti! L’informazione è TUTTO!

Soluzione Debito: Debiti, Calcolo Interessi Su Interessi, Analisi Conti Correnti, Protezione del Patrimonio (da Banche, Equitalia, Finanziarie, altri creditori), Soluzione al Decreto Ingiuntivo, Soluzione al Precetto, Soluzione al Pignoramento.

 

(Visited 3.925 times, 3.925 visits today)

75 risposte a Come Uscire Dai Debiti Con Banche e Finanziarie

  • Giovanni scrive:

    Baravo Gabriele. Sei stato davvero bravo a uscire da una situazione così complicata senza mai farti pignorare nulla. Io non riesco a venirne fuori. Mi hanno già pignorato lo stipendio e tra un po mi sa che mi portano via anche la casa perchè non sto più pagando il mutuo…

    • Chiara scrive:

      Salve Giovanni, ci spedisca i suoi dati così vedremo di analizzare la sua situazione e fare in modo che l’istituto di credito non inizi una procedura esecutiva.

  • giuseppe scrive:

    Se riuscissi a trovare un lavoro, magari i debiti li pagherei… Purtroppo lavoro non ne trovo… ho due finanziarie che mi chiamano quasi ogni giorno…

  • Chiara scrive:

    Salve Giuseppe, ha delle proprietà?

  • Antonio scrive:

    Complimenti Gabriele! Non è facile uscire dai debiti come hai fatto tu. La tua testimonianza sarà sicuramente d’aiuto a molte persone per non farsi risucchiare dal vortice dei debiti….

  • Giovanni scrive:

    Bravo che ne sei uscito con le tue forze. Sei stato vittima del consumismo e delle banche…

  • Alberto scrive:

    Ciao. Io sono in una situazione simile a quella di gabriele però adesso non so proprio come fare. Ho acquistato un auto facendo un prestito di 30000 euro in banca 3 anni fa. Ora sono in cassa integrazione e il mio stipendio si è ridotto di 400 euro… Non avrei mai pensato di trovarmi in una situazione del genere… Ora non so che fare. Mi conviene vendere l’auto probabilmente…

  • Chiara scrive:

    Ciao Alberto, quanto ti rimane ancora da pagare alla banca e, a quanto ammonta il tuo stipendio attuale considerata la cassa integrazione?

  • Massimiliano scrive:

    Ciao , anch’io sono nel vortice delle finanziarie . La mia banca nn mi fa passare più il rid , conclusione sono tornate indietro molte rate . ora sono in mano alle agenzie di recupero credito . Ogni giorno mi chiamano con minacce , sono molto turbato . Nn so come fare la mia banca nn vuole aiutarmi .

  • ercole scrive:

    Ciao, ho ricevuto sabato la raccomandata della Finanziaria che mi scrive com oggetto: DECADENZA DEL BENEFICIO DEL TERMINE E MESSA IN MORA PER IL FINANZIAMENTO N….(carta revolving) L’importo che mi viene richiesto è di 5548,75 entro 10 gg. Sono stato cassaintegrato fino a dicembre adesso sono in disoccupazione e percepisco 740 euro al mese, ho un bimbo di 3 anni e non sono sposato – ho solo una macchina del 2006 di proprietà, vivo con la famiglia della mia ragazza dove lavora solo la mamma, cosa devo fare? Devo rispondere alla finanziaria prospettando questa situazione oppure attendere il loro passo? e quale sarà? Grazie per l’aiuto.

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao, grazie per la domanda.

      Di che importo stiamo parlando?

      Comunque, come prima cosa smetti di usare (se ne hai altre) le carte revolving o comunque le carte di credito in generale: non hai il controllo del tuo denaro e ti metti facilmente in situazioni di difficoltà.

      Fammi sapere, poi potrò essere più chiaro.

  • giuseppe scrive:

    siamo tutti indebitati vi racconto un po la mia storia: avevo 5 carte revolving ognuna con un fido di 5000 euro un prestito personale di 28000 euro cessione del quinto 317 euro per 10 anni piu un mutuo di 700 euro stipulato ad un tasso fisso del 6,43 nel luglio 2007 per 30 anni stipendio mensile 1700 euro. Quindi

    rate

    150×5=750 carete revolving
    378= prestito personale
    317= cessione del quinto
    700= mutuo
    totale= 2145 senza calcolare luce acqua gas telefono conclusione?
    non pago piu niente dopo vari tentativi con la banca a farmi abbassare la rata del mutuo almeno per salvare la casa non avendo ricevuto risposte non ho pagato neanche piu il mutuo per 15 mesi quindi la mia pratica e passata in mano all’ufficio crediti della stessa mi arriva una lettera verde con scritto studio legale avvocato tizio e caio prendo il telefono e chiamo ufficio recupero crediti e faccio un accordo da 700 euro al mese a 400 questo per un anno avvisandomi gia in anticipo che non rimarra’ per sempre a 400 euro quindi mi domando ce veramente una via di uscita’? Grazie

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Giuseppe, bisognerebbe leggere la lettera in busta verde che ti avevano spedito e l’accordo che hai preso con la banca…risposte precise senza tutte le informazioni non le posso dare.
      Mancano anche gli importi degli altri prestiti, giusto per avere un’indicazione su quanto dovresti restituire.
      Se hai bisogno di una preanalisi gratuita e dettagliata puoi mandarci una richiesta compilando il modulo alla destra dello schermo, saremo noi a contattarti.
      Più che altro per prevenire, prima o poi gli accordi attuali con la banca decadranno e dovrai fare tutto di fretta.

      A presto!
      Lorenzo

  • Mirko scrive:

    Ciao,io nel 2007 ho fatto un finanziamento con agos di 20000 euro ratealizzabili in 10 anni a 300 euro al mese,mi diedero anche una carta di credito dove potevo prelevare dei soldi che ovviamente io prelevai,anche egli pagabili in rate,x un pò di tempo pagai regolarmente poi x dei svariati problemi smisi di pagare.Dopo un pò di tempo venni contattato da agos volendo sapere il motivo xk non pagavo più.Nel 2009 mandai via la somma di 2000 euro x chiudere anche la carta.stettero buoni x un pò ma poi ritornarono all’attacco continuando a chiamarmi senza avere alcun esito positivo da parte mia,mi mandarono in casa dei loro incaricati più di una volta minacciandomi più volte di pignoramenti e che avrebbero aperto pratiche legali ma nulla fu.Ultimamente sono stato contattato da un’agenzia di riscossione la link spa proponendomi di pagare il tutto 7000 euro in tre rate da 3000 euro circa,ma scherziamo ho detto io dove vado ha prendere 3000 euro al mese che ne guadagno si e no 800 euro visto che mi trovo in cassaintegrazione
    ,non sentendo ragione mi hanno minacciato di portarmi via lo stipendio la macchiana ecc.. come devo fare x uscire da questa situazione? spero potiate aiutarmi grazie

  • cris scrive:

    buongiorno,
    di seguito il mio problema: titolare di un’azienda di commercio mi ritrovo pieno di debiti con banche e fornitori (oltre 80.000 euro) per il fatto di non essere spesso stato pagato dai clienti. nonostante abbia in piedi diverse pratiche legali per il recupero del credito, la percentuale di riavere i soldi persi è solo del 5% in quanto tutti i clienti debitori non hanno nulla di intestato. ho un mutuo della casa di 30 anni di 500 euro mensili, 2 figli e le banche che mi addebitano importi folli per il fatto di essere costantemente in rosso. Il tutto per colpa di chi, volutamente, ha ben pensato di acquistare la mia merce senza tirar fuori neanche 1 euro!! Mi sapreste consigliare in che modo uscirne quasi indolore? Grazie

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Cris,

      ti trovi in una situazione molto diffusa, visto soprattutto il periodo…

      Se vuoi possiamo approfondire la tua storia con una pre-analisi in cui ti chiederemo tutta una serie di informazioni,
      perché senza di quelle (e sono tante) non ti posso essere molto di aiuto.

      Spero di sentirti presto e di poter risolvere il tuo caso!

      Lorenzo

  • giorgio campus scrive:

    salve a tutti.. mi chiamo giorgio..ormai le ho provate tutte..sono separato dal 2007… avevo una casa ormai e messa all’asta poiche la mia ex moglie furbamente lavora in nero..lasciandomi tutti i debiti su di me… poiche lei nn percipendo stipendio e nulla tenente.. beh immaginate il casino… io lavoro sempre ma lo stipendio e poco.. il problema e che sono protestato e nn posso accedere a finanziamenti..e ora mi hanno fatto il fermo amministrativo sulla macchina..dunque immaginate…cmq ora e tutto diviso sui debiti..come omologa..ma la mia ex continua a nn pagare….dunqueil mio problema sarebbe accedere ai finanziamenti..solo che lavoro in una snc e nn superiamo i 15 dipendenti non mi danno il quinto dello stipendio…qualcuno sa come protrei uscirne… visto che le ho provate tutte…grazie anticipatamente

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Giorgio,

      le informazioni che hai dato non mi permettono di risponderti in maniera adeguata.

      E poi se ho ben capito la casa l’hai già persa, ed eventualmente rimarrebbe solo lo stipendio da tutelare.

      Purtroppo, senza tutte le informazioni non posso dire altro.

      Comunque se hai bisogno di una pre-analisi puoi contattarci compilando il modulo alla destra dello schermo..

      A presto!
      Lorenzo

  • ANGELA scrive:

    SALVE CHIEDO CONSIGLIO PER UN GRAVE PROBLEMA FINANZIARIO.MIO FRATELLO HA DIVERSI FINANZIAMENTI CON SOCIETA DIVERSE E CARTE REVOLVING E ANCHE UN QUINDO DELLO STIPENDIO PIGNORATO.ORA COSA SUCCEDEREBBE SE NON PAGASSE PIU LE RATE VISTO CHE ORA NON PUO PIU FARLO?NON HA NULLA ,MA VIVE NELLA CASA CON ME E CON I MIEI FAMIGLIARI .E VERO CHE POSSONO PIGNORARE LE NOSTRE COSE ?SE FACCIAMO RISULTARE CHE LUI NELLA NOSTRA CASA E SOLO IN AFFITTO NON POSSO PRENDERSI NULLA VERO?COSA RISCHIA?

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Angela,
      il rischio è quello che il creditore si attivi per un pignoramento mobiliare presso l’abitazione in cui tuo fratello vive.

      Piuttosto, a seconda dell’importo del debito e delle vostre possibilità, non avete mai pensato a stralciare il debito e levarvi di mezzo tutti i creditori?

  • sabrina scrive:

    CIAO GABRIELE, SI è VERO SEI STATO BRAVO, MA QUANDO C’è IL LAVORO E QUINDI LO STIPENDIO….E MAGARI ANCHE UN BELLO STIPENDIO, PUOI FARE PROGRAMMI E MAGARI RINUNCIANDO A QUALSIASI COSA SUPERFLUA E NON CE LA SI FA….MA CHI COME ME HA PERSO IL LAVORO E VIVE ALLA GIORNATA ….????COME SI FA ?

  • Teresa scrive:

    Beato te caro Gabriele fosse così facile anche per me. Io purtroppo a breve perderò la casa dove ho vissuto x 32 anni perché l’ha acquistata all’asta un’agenzia romana Vorrei scrivergli una lettera x commuoverli un po ma questa gente credo nn abbia nemmeno cuore. Ecco perché un sacco di gente preferisce morire…

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Teresa, mi dispiace molto quando leggo queste cose perché anni fa anche la mia famiglia ha perso la casa (non tramite asta, ma comunque l’ha persa rimettendoci un bel pò di soldi che hanno pesato parecchio su tutti).
      Non mi piace per niente la tua ultima frase e quei puntini di sospensione.
      Ti possiamo mandare la richiesta di amicizia su FB? Almeno se ogni tanto hai bisogno di qualche consiglio ci puoi scrivere lì, ne saremmo molto felici :)
      Un abbraccio
      Lorenzo

  • sandro scrive:

    ormai siamo tutti morti perche’ sommersi dai debiti giriamo di qua e di la e sbattiamo la testa su come pagare questo o quello e una vita di mer……… poi il fatto che ci siamo agenzie che ti aiutano a risolvere i problemi finanziari mi fa’ ridere se hai uno stipendio sei fritto quindi in cul al mondo e che azz vuole succedere succedere.

    • Lorenzo C scrive:

      Azz, alla faccia dell’ottimismo :)
      Va bene, ognuno ha diritto ad avere la sua opinione.
      Poi, se ci leggi e ti viene da ridere mi fa piacere, sinceramente.
      Un abbraccio!

  • SANDRO scrive:

    caro lorenzo non voleva essere un accusa verso di voi come tutti voi svolgete il vostro lavoro ma purtroppo ce chi naviga su queste cose e ti dico pure come alcune agenzie vogliono un anticipo di 400 euro piu tutta la documentazione poi ti richiamano e dicono non si puo’ fare niente ma come invece di aiutare questa persona tu li vai a chiedere soldi e logico che se poi l’agenzia ti aiuta sul serio e normale che ha la sua parcella e mi pare pure giusto comunque niente di personale anzi a breve vi descrivero’ la mia situazione finanziaria grazie.

    • Lorenzo C scrive:

      Sì, non c’è nessun problema Sandro :)
      Sul discorso di chiedere un anticipo io dico che è giusto farlo quando hai già in mente la possibile soluzione e devi comunque analizzare dei documenti con il legale, mentre non è corretto chiederli sistematicamente con l’intenzione di fare cassa e creare un altro problema alle persone.
      Se hai una domanda comunque falla quando vuoi, se posso risponderti già direttamente qui lo farò
      Ciao!

  • SANDRO scrive:

    ok grazie lorenzo a breve ti elenchero’ la mia situazione drammatica grazie

  • Giovanni scrive:

    Salve,
    Sono un titolare di azienda di 32 anni fino a dicembre le cose mi andavano bene poi nei primi 6 mesi dell’anno non abbiamo lavorato e di conseguenza sono rimasto impiccato con le banche per delle fatture mai state pagate e con il conto gia fuori piu una finanziaria che non riuscendo piu a pagare mi sta tartassando ogni giorno, a giugno abbiamo ripreso con i lavori ma ovviamente sono rimasto indietro con fornitori ed altri pagamenti, la mia intenzione è di saldare i debiti con i fornitori ma ovviamente non avrò la disponibilita economica per rimettermi in pari con le banche e le finanziarie. Ormai sono arrivato alla conclusione di chiudere a dicembre l azienda, ma la mia preoccupazione è come andra a finire con la finanziaria (visto che mi hanno detto che se non pago la rata del 29/08/2013 andrà in contenzioso e di conseguenza via legali) e con le banche visto che il debito ammonta sui 90000 euro circa.
    Grazie

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Giovanni, considerato che hai una società le cose da approfondire sono diverse.
      Ti chiedo gentilmente di inviarci una richiesta di contatto compilando il modulo alla destra dello schermo, cercherò di chiamarti personalmente il prima possibile.
      A presto!

    • sirio scrive:

      io mi trovo nella stessa situazione e non so più cosa fare…mi vergogno persino ad uscire di casa…senza contare che purtroppo c’è di mezzo anche il mio ex socio che purtroppo è chiamato in causa dai fornitori….ma xkè non ci danno la possibilità di avere un pò di liquidità per rifiatare e far ripartire la nostra attività? siamo tartassati, il lavoro ha continue oscillazioni: possibile che le banche, con le quali siamo stati, in precedenza, sempre corretti, adesso ci voltano le spalle? perchè se prima eri sempre solvente e adesso, temporaneamente non lo sei, ti chiudono le porte e ti costringono a scelte drastiche, lasciandoti con i debiti, che basterebbe un aiuto per poterli onorare?

      • Lorenzo C scrive:

        Ciao, per le banche siamo solo un numero dentro ad un computer.
        Prima ce lo mettiamo in testa, e prima capiremo che dobbiamo guardare alla NOSTRA economia, non alla loro.
        Se hai problemi, puoi sempre richiedere una consulenza compilando il modulo alla destra dello schermo ;)

  • Gianluca scrive:

    Ciao a tutti, io avrei una cosa da chiedervi.
    Mio babbo 5 anni fa aveva un debito con una banca e, quest’ultima siccome mio padre aveva una finanziaria come garante, ha chiesto all’agenzia di pagare il debito.Ma qualche giorno fa arriva a mio babbo una lettera della finanziaria in cui dice che deve pagare i soldi che loro hanno dato alla banca.
    La mia domanda è: ma è giusto che loro in 5 anni non si fanno sentire? E Poi non c’è la prescrizione?
    Grazie!

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao, la prescrizione varia, a seconda del tipo di debito.
      Il diritto alla provvigione dell’agente immobiliare, ad esempio, si prescrive in un anno.
      Per altri è cinque, per altri ancora è superiore.
      Probabilmente si sono fatti sentire prima dello scadere dei cinque anni.
      Quanto dovrebbe restituire? Il babbo ha qualcosa intestato?

  • angela scrive:

    sono disperata ho 54 anni, senza lavoro e purtroppo alla mia età diventa difficile trovare lavoro,sono piena di debiti che non riesco ha pagare perchè quel poco lavoro che ho è in nero e non supero neanche 300 euro, abito presso mio figlio che mi ospita, e paga lui l’affitto della casa che ha preso con i mobili. io ho deciso di andarmene perchè ho paura di metterlo nei problemi che non sono suoi.
    meglio vivere in strada che dare problemi al figlio
    buona giornata

    • Cristina scrive:

      Buonasera, Angela

      Per uscire da questa situazione, inizia con il ripristinare l’ordine delle tue priorità: metti un tetto sopra la testa e del cibo caldo in tavola. Se avrai un reddito superiore, potrai pensare anche al resto.

      Se la casa è in affitto e ammobiliata e non c’è nessun garante per i tuoi debiti, il rischio per chi vive con te è sensibilmente ridotto.

      Ad ogni modo, se hai qualche dubbio, chiedi liberamente.

      • angela scrive:

        Buonasera Cristina
        come posso mettere un tetto sopra la testa e il cibo caldo se non lavoro e quel poco che faccio lo metto in casa per non sentirmi dire che bello chi non fa nulla. Vivo con un figlio che mi sopporta solo perchè non ha il coraggio di buttarmi fuori cas

  • angela scrive:

    MI scusi ma ho schiacciato il tasto
    le persone come me che non hanno un lavoro e non sono in grado di mantenersi sono solo un peso e questo lo capisco.
    vivere chiusa tutto il giorno in una stanza come se fossi in carcere per non disturbare il figlio,uscire solo per cucinare e tante volte restare chiusa in questa maledetta stanza perché lui si porta la pizza o mangia con la sua ragazza e so che o fastidio,mi creda non è vita , ma sono cosi vigliacca che non riesco ha farla finita
    ci vuole piu coraggio ha togliersi la vita che ha vivere.
    MI scusi di averla disturbata e spero di trovare il coraggio perchè questa non è vita
    buona serata

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Angela, non dire sciocchezze, togliersi la vita non risolve nulla!
      Capisco che la situazione in cui vivi non è semplice, ma devi farti forza.
      Ho capito che tuo figlio ti sopporta, come dici tu, ma dovrebbe anche capire che se adesso può permettersi di avere una casa in cui vivere, è anche per merito tuo.

  • Enrico scrive:

    Buongiorno, due cose vorrei sapere per favore, tre anni fa abbiamo venduto con la mia ex moglie, prima della separazione, attualmente siamo separati legalmente, l’appartamento di proprietà in comunione dei beni.A tutt’oggi non ho ricevuto un 1 euro della vendita, nonostante tentativi di ripetuti accordi onorevoli. Debbo rivolgermi ad un’avvocato ? Seconda domanda , con la banca ho un cc aperto dal 1980, con fido prima di 3000 milioni in lire, poi 5000 euro.Ho sempre utilizzato questo fido, la banca da sempre mi fa pagare per il fido interessi calcolati ogni tre mesi ed addebitati sul conto. E’ anatocismo bancario ?

    Grazie

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao Enrico, ti consiglio di rivolgerti ad un legale esperto in materia.
      Per la seconda domanda, ti posso dire che probabilmente c’è anatocismo bancario (il 99,9% dei conti sono falsati da anatocismo od usura), ma probabilmente si tratta di importi irrisori e forse non vale la pena controllarli (poi valuta tu).
      Se vuoi approfondire l’argomento ti consiglio questo video: http://www.youtube.com/watch?v=2n4s64CXIjU
      Ciao!

  • Enrico scrive:

    Grazie per i primi consigli, vi ho inviato una richiesta di consulenza per tutto il resto riguardante la mia situazione debitoria. Confido nella vostra onestà e professionalità.

  • stefano scrive:

    salve io ho parecchi debiti ho un prestito che 405 la macchina che pago 406 due carte una 150 e l’altra 200 un finanziamento con la mia banca 141 e un altro di 212 sono in affitto mia moglie e in cassaintegrazione e il mio stipendio e di 1300 la mia e un azienda onlus e abbiamo un figlio , non pago due finanziamenti da 2 mesi quello da 406 e quello da 212 gli altri cerco pian piano di non saltarli cosa mi possono fare le finanziarie mi hanno detto che andranno x via legale e che decadera il contratto chiedendomi l’intero inporto !!! cosa mi puo succedere

  • Ferdinando scrive:

    Credo che per uscire dai debiti non ci sia modi migliore che risolvere il problea alla radice e non farli, ma quando non ci si riesce, o non si è abbastanza maturi e consapevoli, allora la cosa da fare è costruire un dialogo tra debitori e creditori. Uno studio debiti può risolvere il problema almeno in parte, perché come ho detto prima, alla fine è tutto nelle tue mani. Coraggio!

  • Michelangelo scrive:

    Per quanto ne so, l’unico modo per uscire dai debiti è non farne, ma questo è possibile solo per chi ha familiarità con il concetto di parsimonia in economia, che non è la stessa cosa di non spendere affatto soldi. Se nel risparmio non c’è parsimonia, si creeranno solo situazioni di povertà, perché ci si limiterà a non spendere. Quello che invece produce ricchezza è la consapevolezza di spendere soldi solo per quello che serve veramente. La domanda che dovremmo farci di più è: di cosa abbiamo veramente bisogno?

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao, il tuo è un concetto interessante, ma credo che pochissimi riusciranno a coglierne il significato.
      C’è anche da dire che sono prima di tutto le finanziarie e il sistema che spinge le persone ad indebitarsi, soprattutto per cose inutili.

  • Enrico scrive:

    Sono d’accordo, questi signori spingono con ogni mezzo l’individuo ad indebitarsi, attraverso la pubblicità ed altro.Sono capaci di darti un prestito, teniamo presente che guarda caso la maggior parte delle finanziarie da piccoli prestiti che non superano quasi mai i 30.000 euro, anche se ancora in busta paga hai un minimo di stipendio. Per me sono ancor peggio delle banche, e questo è tutto dire.Poi sul concetto del risparmio sono d’accordo, dobbiamo tutti cambiare mentalità, da consumisti dobbiamo diventare attenti consumatori.

  • David scrive:

    Ciao anche io sono stato risucchiato nel vortice dei debiti con finanziarie varie, sono riuscito a pagare quasi tutto,mi restano circa 7000€, il problema e’ che vivo all’estero e la paga mi va praticamente tutta tra tasse affitto e cibo. Mi hanno gia’contattao piu’ volte con varie minacce. Cosa possono fare? In italia non posseggo piu’ nulla.
    Grazie

  • David scrive:

    Ciao,si sono solo finanziarie 2 per la precisione e si c’e’ solo la mia firma.

    • Lorenzo C scrive:

      In questo caso, visto anche l’importo contenuto, è difficile che inizino una procedura esecutiva per venirti a cercare all’estero.
      Non è detto che non lo facciano, intendiamoci, ma hai più probabilità di vincere al Superenalotto, sempre che ci giochi.

  • David scrive:

    Grazie del consulto…mi sembra comunque strano che mollino l’osso…cerchero’ comunque una soluzione se non ho alternative.

    • Lorenzo C scrive:

      La soluzione è praticamente unica, se te vuoi sbarazzarti di loro: saldo e stralcio.
      Considerato che non hai tutti i soldi per pagarli, l’unica è metterne da parte (un po’ alla volta), fino ad avere un importo che ti permetta di fare loro una proposta di saldo e stralcio.
      Io proverei al 50% del debito (hanno tutta la convenienza ad accettare).

  • TONI scrive:

    COME E POSSIBILE CHE UNA FINDOMESTIC BANK NON VIENE A UN ACCORDO E DI ACCODARE UNA CIFRA AD UN FINANZIAMENTO CHE E IN CORSO MI DICONO CHE ABBIAMO SUPERATO 72 ANNI ANNO BLOCCATO LE CARTE PER L’ETA ADESSO SIAMO IN DIFICOLTA PER PAGARE 200+200+325=725 .PRENDIAMO MILLECINQUANTA AL MESE .SIAMO PREOCUPATI PER LA NOSTRA UNICA CASA .C’E CUALCUNO CHE CI CONSIGLIA? :cry:

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao,
      potresti riscrivere la tua domanda in modo più chiaro, per favore?
      Non sono riuscito a capirci molto

  • ottone scrive:

    ragazzi e la fine….mettiamoci l’anima in pace!

  • roberto scrive:

    salve mi chiamo roberto ho 38 anni nel 2009 ho richiesto a compas la carta viva azzurra con fido di 3000 euro in quel periodo lavoravo e riuscivo a pagare le rate ,dal 2011 il fido e aumentato a 5000 euro ,adesso le rate sono alte e non riesco a pagarle anche perche’ a febbraio 2013 ho perso il lavoro e ho finito di percepire la disoccupazione sono 4 rate in dietro ho un mutuo da pagare , il ercupero credito mi chiama continuamente cosa puo’ succedere io in questo momento non posso pagare , sono molto preoccupato volevo sapere cosa possono fare ,sono sposato mia moglie non lavora e ho un bambino di 2 anni , grazie attendo un vostro giudizio .

    • Lorenzo C scrive:

      L’ideale sarebbe fare un saldo e stralcio, anche di 500-100 euro (che da quello che capisco non hai).
      Se continui a non pagare potrebbero procedere con un pignoramento (beni mobili di casa, auto, c/c principalmente)

  • luca scrive:

    Come mai le finanziarie ti concedono prestiti facile e le banche nemmeno ti ascoltano firse sono sempre loro che ci gudagnano

  • Enrico scrive:

    Per quel che ne so io , a meno che uno non sia proprietario di immobile, ed anche in questo caso è tutto da vedere, mutuo scadenza ecc., le banche e soprattutto le finanziarie puntano direttamente al tuo stipendio, per quanto rimane il pignorabile, questo fino anche a due quinti dello stipendio, su 2000 euro netti 800 euro saranno pignorabili , semprechè su questo non gravi già una cessione del quinto,Poi è il giudice a decidere.A volte il pignoramento può essere piu’ vantaggioso di un saldo a stralcio, secondo me, ma anche il contrario, dipende sempre dalla consistenza dei debiti contratti, e se si riesce a pervenire ad un accordo.

  • Enrico scrive:

    Aggiungo, che per quanto riguarda la mia esperienza, se questo può essere di conforto a qualcuno, quando ho deciso di non pagare piu’ i miei debiti, per mancanza di liquidi. Sto molto meglio, certo debbo fronteggiare gli assalti di tutti i creditori, banca piu’ finanziarie.Ma ho anche compreso una cosa, che non sono piu’ io ad essere in difficoltà, ma loro, che sono appunto i creditori, e debbono riscuotere, e per questo ti blandiscono in tutti i modi, con proposte varie, anche di consolidamento debiti. A proposito della iscrizione in Crif, togliamoci dalla testa, che una volta iscritti domani possiamo accedere ad un prestito presso altre finanziarie o peggio banche.

  • Domenico Granata scrive:

    Salve ho un grande problema con la banca e le finanziarie con la banca ho uno scoperto di 4000,00 €per una carta di credito mi hanno già contattato e mi chiedono di versare entro fine mese un acconto di 1330,00€che dicono che sia il trenta percento altrimenti si andrà per via legale io purtroppo non ho questi soldi come posso fare vi prego aiutatemi vi ho già mandato i miei dati in attesa grazie.

  • laura scrive:

    Buongiorno, lavoro in banca e sono alle prese ogni giorno con queste cose.
    Ricordatevi che purtroppo a volte per “ignoranza” e “non conoscenza” ci si fida di suggerimenti o si agisce di istinto facendo errori irreversibili.
    Datemi retta, buttate 100 euro e affidatevi a persone che vi danno consigli veri e che sono in questo campo da anni.
    Non affidatevi a consulenti che vi chiedono migliaia di euro senza aiutarvi.
    rimango a disposizione

  • elena scrive:

    AIUTOOOO
    sono una ragazza di 25 anni,con molti debiti,dunque,abbiamo stipulato debiti
    25.000€ compass
    17.000€ neos finance
    2.000€ carta revolving

    guadagnamo 1500.00€ e le uscite solo per i prestiti sono
    444.00€ rata compass
    207.00€ cessione del quinto dello stipendio
    100.00€ rata carta revolving…

    escono 751€ solo di rate e mancano ancora affitto , retta asilo mia figlia , benzina e la spesa per mangiare.Siamo giovani,forse un po ignoranti in tal proposito e ora non sappiamo come fare per vivere serenamente dato che grazie a questa situazione di CACCA ci siamo separati.Se qualcuno può darmi qualche consiglio o si trova nella mia stessa situazione e sa come uscirne o come affrontarla grazie.Siamo molto giù di morale.Purtroppo per lavoro dobbiamo avere due macchine,nulla di che, una opel corsa del 2003 e una panda del 96…ma la benzina ce la dobbiamo mettere e,il bollo e l’assicurazione…mia figlia ha solo tre anni ed io mi sento un a fallita in quanto non posso darle tutto ciò che vorrei…la crisi ha colpito tutti e non penso di essere l’unica in questa situazione ma cerco conforto e magari consigli.Non abbiamo beni a parte le macchine.

    • Lorenzo C scrive:

      Ciao,
      la situazione si può risolvere, ma un po’ bisogna combattere, e anche “soffrire”.
      Se continuate così, non ne uscirete mai.
      Io, al vostro posto, smetterei di pagare uno-due creditori (con conseguente segnalazione come cattivo pagatore), e metterei da parte un po’ di soldi per andare a proporre un saldo e stralcio quando si presenterà il momento opportuno.
      La prima cosa che potreste liquidare, è la carta revolving (che non deve essere MAI utilizzata)
      Se hai domande, chiedi e ti sarà dato (più o meno)

      • elena scrive:

        Ciao Lorenzo , questa mattina ci siamo recato in una filiale compass con cui abbiamo il finanziamento da 25.000€ chiedendo di poter abbassare la rata oppure accodarne una seconda perchè purtroppo , con vergogna , non riusciam oa venirne a capo e a pagarla.Il nostro intento e di pagare ogni centesimo dei debiti che abbiamo ma a rate più basse…mi sono fatta spegare bene cos’è un saldo a stralcio e noi lavorando tutti e due ma cn stipendi miseri , non possiamo avvalerci di questo.Davvero , non so più come fare e questa mattina mi hanno davvero tolto l’ultima speranza di uscirne e l’ultima voglia di sorridere.Abbiamo sbagliato chiedendo troppi prestiti tutti insieme ed è giusto pagarli ma almeno venissero incotro sti strozzini usurai legalizzati…

      • elena scrive:

        Ciao Lorenzo ,
        ti ringrazio per aver risposto al mio appello…voglio dirti che questa mattina , ovvero 123\2014 ci siamo recati presso una filiale compass per chiedere un abbassamento di rata o un eventuale accodamento , il nostro scopo E’ PAGARE OGNI CENTESIMO DATOCI IN PRESTITO , ma al momento ci troviamo in serie difficoltà. Abbiamo chiesto di spiegarci cosa fosse un SALDO A STRALCIO , ma lavorando entrambi non ne abbiamo diritto , o per lo meno è ciò che ci è stato detto.Non sappiamo davvero come poter affrontare il tutto e questa mattina ci hanno tolto le ultime speranze di uscirne e le ultime forze per sorridere e andare avanti.Sbagliando si impara e con questa cosa vogli odire che le finanziarie per me possono bruciare tutte , perchè sono solo degli usurai legalizzati.Se non paghiamo più , cosa può succederci , premesso che abbiamo una rata già accodata e una rata che ha scadenza a fine marzo che resterà insoluta perche sempre questa mattina abbiamo saldato quella di febbraio.Davvero , se sapete come potermi aiutare , io sono qui che aspetto chi ha da darmi consigli ed è meno ingenuo di noi.Grazie in anticipo

        • Cristina scrive:

          Ciao, Elena!

          Grazie per l’aggiornamento in merito alla tua situazione. Lorenzo in questo momento non può rispondere personalmente, ma il consiglio che vi abbiamo dato nel primo messaggio di risposta, resta valido.

          A maggior ragione è valido dopo la risposta che avete ricevuto da compass; il fatto che non concedano saldi e stralci a chi ha ancora un lavoro (oltre ad essere una buglia) può essere una sorta di “politica interna” alla società, ma non ha un fondamento legale. Mi spiego meglio: non esiste alcuna legge o norma che neghi il diritto ai lavoratori dipendenti regolarmente assunti di ottenere un saldo e stralcio.

          Compass sta cercando di mantenere con voi una linea dura, perché avete saltato solamente una rata e sa che mettendovi pressione riuscirà ad ottenere da voi un maggior numero di rate pagate, fino al momento in cui davvero non sarete più nelle condizioni di pagarle.

          Ma questa, come ti ha spiegato Lorenzo, non è la via d’uscita per VOI

  • daniele scrive:

    Ciao a tutti. .anche io mi trovo in una situazione di debiti purtroppo. .e la cosa certa è che non voglio fuggire da niente..anche se ogni notte soffro con i pensieri che mi assalgono. .in banca un fido di 13.000 che per adesso non riesco a sistemare e con consumit un finanziamento andato male già caduto dal beneficio del termine di 20.000…a chi posso rivolgermi. ..chi può ascoltarmi. ..?

    • Cristina scrive:

      Ciao Daniele

      Se hai bisogno di analizzare la tua situazione, per trovare una soluzione, siamo sempre qui ;-)

      Non abbatterti!

  • Omar scrive:

    Ho letto il primo commento in lista… e mi ha colpito molto… io ho 27 anni, quasi 28 e ho parecchi debiti. 14000 euro di finanziamento con la banca, 4700 carta revolving, altro prestito per evitare uno sfrtto da 5000 con altra banca che inizierò a pagare in estate, sono sotto di 700 euro sul conto a causa della carta… ho un contratto a tempo indeterminato con 14 mensilità da 1000 euro circa, ma nessuno mi concede un prestito di rifinanziamento senza garante, con una sola rata ce la farei tranquillamente… cessioni non mi vengono fatte perchè dicono che la società per cui lavoro (Gruppo Unipolsai) da 11000 dipendenti non è censita dalle assicurazioni… dulcis in fundo ieri ho bocciato e ho fatto 1500 di danni…. mi viene voglia di buttarmi dalla finestra più volte al giorno… sto facendo la pratica per diventare avvocato, mi sembra l’unica soluzione per poter uscire da questa brutta situazione…. spero che finisca tutto molto presto…altrimenti…

    • Lorenzo C scrive:

      Altrimenti che?
      Omar, se devi preoccuparti per qualcosa, non farlo per i problemi di debiti.
      Sono tutti debiti con privati, esiste lo stralcio fortunatamente.
      Inizia a non usare la revolving, a meno che tu non lo stia già facendo.
      Poi, devi deciderti e smettere di pagare uno dei creditori, in modo da mettere da parte tutti i mesi dei soldi che ti serviranno proprio per gli stralci (e il primo potrebbe essere quello della carta).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Categorie

Articoli

Commenti